SCONTO DEL 25% SUI CORSI ONLINE

☀️ Usa il codice SUMMER25 al momento del pagamento ☀️

Pace = Potere

 

La scorsa settimana, il 14 febbraio 2018, la nostra nazione ha assistito con orrore alle notizie che rivelavano i dettagli dell'ennesima sparatoria a scuola. In un giorno celebrato ogni anno come un giorno d'amore, la nostra nazione e la gente di questa comunità della Florida hanno assistito a un atto privo di amore. Hanno sperimentato tutto tranne che la pace.

Su tutti i social vediamo “preghiere e condoglianze” offerte a coloro che sono stati toccati da questo atto di violenza perché, per molti, non ci sono parole. Come nazione, siamo sotto shock e non sappiamo veramente cosa pensare, sentire o fare prima per prevenire eventi futuri.

Piangiamo
Come genitori, piangiamo con quei genitori e per quei genitori. Piangiamo perché ora temiamo di mandare a scuola i nostri figli e non sappiamo come proteggerli.

Come educatori e amministratori, non possiamo immaginare il dolore di perdere gli amati studenti, e forse anche il senso di colpa per non essere in grado di proteggerli. In WV, piangiamo perché i nostri educatori vengono svalutati quando per alcuni bambini un insegnante può essere l'unico sostenitore nella loro vita.

Come terapeuti, clero, consulenti e modelli di comportamento, piangiamo per la perdita di pace, speranza e per la rottura che ora esiste. Piangiamo perché sembra che non ci sia mai abbastanza tempo, risorse sufficienti o abbastanza di noi per aiutare ogni bambino che ha bisogno dei nostri servizi.

Come membri della comunità piangiamo perché le dinamiche delle famiglie cambiano per sempre quando si verifica una tragedia. Piangiamo perché addoloriamo la vita e speriamo che i bambini portino a una comunità, e ora così tanti di loro se ne sono andati o stanno soffrendo. Piangiamo perché una scuola, un rifugio sicuro nella nostra comunità, sarà ora un memoriale permanente di quel giorno. Sì, ho detto “la nostra comunità” perché ne facciamo tutti parte prima comunità più grande.

Come nazione, piangiamo collettivamente. (Mi asterrò dall'inserire commenti politici qui.)

Come famiglie piangiamo. Siamo così “connessi” che siamo disconnessi da ciò che sta realmente accadendo ai nostri figli. I gadget sono più numerosi dei membri della famiglia, i bambini sono assistiti dalla TV e speriamo che imparino preziose lezioni di vita dal sedile posteriore mentre ci spostiamo da un posto all'altro.

​Piangiamo per la perdita di valori, tempo per la famiglia e la necessità di servizi di salute mentale perché così tanti bambini sono vittime di traumi, nelle loro stesse case. Gli insegnanti della nostra nazione hanno un lavoro difficilissimo.

Trovare la pace

Ci sono volte in cui sembra che la nostra nazione non troverà mai la pace. Sembra una possibilità molto reale che i nostri figli possano crescere in un mondo in cui non si sentonosicuro, la frenesia equivale al successo e le connessioni vengono effettuate tramite segnali Wi-Fi.

Cosa possiamo fare? Un certo numero di cose, e in realtà sono qui solo per parlarne: scegliere la pace.

  1. Possiamo ricordarlo e insegnarlo ai nostri figli la pace inizia con me. La pace inizia con te. La pace è di tutti.
  2. La pace è una scelta e un impegno. Possiamo estendere la grazia dove può essere immeritata. Possiamo provare compassione per coloro che stanno soffrendo e le loro azioni esteriori o il loro stile di vita riflettono il loro tumulto interiore. Possiamo essere amichevoli con gli ostili. Ignora coloro che sono scortesi e prendi poco o nulla sul personale.
  3. Possiamo insegnare ai nostri figli a fermarsi prima che parlino, agiscano o diano energia a schemi di pensiero negativi. Fornisci loro un elenco di valori, linee guida etiche o scritture attraverso cui filtrare tutti i comportamenti, quindi praticali noi stessi.
  4. Scegli di sentire i dolori collettivi della nostra nazione e mostra ai nostri figli come possono essere parte del cambiamento. Non spegnere le notizie, fare un post su Facebook e inserire la testa nella sabbia. Avere le conversazioni difficili. Sii reale con loro e poi mostra loro come farlo viverein pace. In che modo la tua famiglia può essere coinvolta nel miglioramento della tua comunità? Chi puoi servire con il tuo tempo e le tue risorse?
  5. Rallentare. Fai attenzione. Gioca con i bambini nelle tue vite. Ascolta la storia sotto la storia quando gli altri parlano. Medita e prega. Cerca una guida e rimani aperto al cambiamento.

È più lungo del previsto e se sei arrivato così lontano, grazie. L'ho scritto dal cuore dopo una serie di conversazioni con mio figlio di 9 anni, che ha le sue sfide emotivamente, e un commento sui social media andato storto su come possiamo agire.

Ho imparato, e prego che i miei figli imparino, che la pace è più potente della violenza, della rabbia, dell'avidità o dell'odio. Un abbraccio è più potente di un colpo, come disse mio figlio con parole diverse all'età di 4 anni.

La diffusione della pace inizia con ciascuno di noi che sceglie personalmente la pace.

  • Inizia con ognuno di noi che decide di essere qui per qualcosa di più dei nostri spettacoli serali e della gratificazione personale.
  • Inizia con ogni essere umano che sa di essere qui per uno scopo, e solo loro possono raggiungere tale scopo in modo univoco, quindi si alzano dai glutei e usano le loro abilità, tempo e risorse per influenzare il cambiamento.
  • La pace inizia con ognuno di noi che non prende tutto così sul personale, è impeccabile con le nostre parole e rimane concentrato sulla nostra missione unica (ovvero, resta nella tua corsia).

Cosa sto facendo?

Personalmente, la mia famiglia è un work in progress. Come mamma divorziata di due figli, abbiamo spesso momenti di agitazione. Non è facile, e non è sempre carino (o tranquillo). Faccio un lavoro diurno e insegno yoga alcune sere a settimana. Questo limita il mio tempo con i bambini e facciamo del nostro meglio per riempire il nostro tempo insieme con quanta più qualità possibile. Mi dedico ferocemente a crescere bambini che amano se stessi e gli altri, apprezzano la famiglia e si dedicano a realizzare il loro scopo in questo mondo utilizzando attivamente le loro capacità e risorse.

Sto usando le mie capacità di insegnante di yoga per addestrare gli altri a condividere questa disciplina e praticare con i loro futuri studenti. Sto insegnando loro come applicare le linee guida etiche alle loro vite così come al loro insegnamento. Sto facendo del mio meglio per insegnare loro una comunicazione efficace. Spero e prego che l'implementazione di questi strumenti li aiuti a vivere più serenamente.

Ho anche l'opportunità di far parte di un movimento in WV per addestrare i nostri educatori elementari a condividere meditazione, consapevolezza e movimento attraverso strumenti yogici con i bambini e le famiglie all'interno della loro cerchia di influenza. Stiamo cercando di formare il maggior numero possibile di educatori nello stato entro la fine dell'anno scolastico 2017-2018. Questi educatori acquisiranno personalmente questi strumenti e li metteranno in pratica nelle aule di tutto lo stato entro poche settimane dalla loro formazione. Ognuno sarà certificato per insegnare Scherzando intorno allo yoga nella loro comunità.

Ecco come posso aiutare. È tutto ciò che so fare. Posso rendere il mio posto di lavoro un campo di missione per la pace. Non posso raggiungere tutti i bambini, quindi condivido la mia esperienza e confermo potere agli altri insegnare ai bambini come vivere una vita pacifica. È potente.

La pace inizia con me. La pace inizia con te. La pace è di tutti. Possano le parole e le azioni della mia vita contribuire alla ricerca collettiva della pace. Questa è (una) delle mie preghiere.

Ti piace quello che stai leggendo? Dai un'occhiata a scherzare intorno allo yoga sito web, o meglio ancora, iscriviti a un KAY la formazione degli insegnanti e diffondi l'amore per lo yoga per bambini nella TUA città!

 

 

 

REGISTRAZIONE GRATUITA DEL LABORATORIO:

Portare la consapevolezza in classe

Guarda a tuo piacimento!

REGISTRAZIONE GRATUITA DEL LABORATORIO:

Rilassamento e meditazione per i bambini

Guarda a tuo piacimento!